Cerca in PocoBLog
 
Immagine
 mosca... di Nith
| Poco.it | Cafe' | Bookmark Poco |

Visite: 196299




Titolo
Belem (3)
Bianco e nero (2)
Bratislava (14)
Coimbra (1)
Digital (3)
Headers (13)
Ivanteevka Russia (7)
Lisboa (1)
Porto (2)
Promocard (4)
Sinai desert (2)
Tivoli (9)
Tomar (1)

Le foto più cliccate

 

www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from pocoblog. Make your own badge here.

Titolo







\\ PocoBLog : Storico : Diario Pensieri Poesie (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Scritto da Nith (del 16/05/2007 @ 20:28:41, in Diario Pensieri Poesie, linkato 7826 volte)

..un bacio volante dalla moto
ed eccomi qua..

 vorrei chiamarti adesso,
parlarti e non dirti nulla perchè
non ho niente da dire a parole,
sono solo stracolmo di te,
appagato dagli sguardi
dietro ai quali si cela
l'invisibile pienezza
della tua presenza,
della tua essenza.
 Sembra un discorso etereo
come le parole
che lo compongono,
sono solo lettere di rifugio,
un rifugio dalla realtà,
una protezione da ciò
che è più forte di noi,
più virtuoso di noi,
più sereno di noi,
più partecipe di noi,
una chimica trasparente,
goccie di un trasudo d'amore
che traborda e tracima
ogni pensiero razionale,
che come la brina del mattino
accarezza i fili d'erba
e sublimando li lascia pieni di vita...

Carminio Scuro

 Tags: , , , , , ,

 
Scritto da Nith (del 12/05/2007 @ 15:17:31, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1845 volte)

La felicità è a un passo

se non ci dormi dentro

e trovi il giusto equilibrio;

Come l’anello di Gollum

la felicità c’insegna

a gestire il potere,

ancor prima che conferito

segreto ed anelato;

L’immagine del giusto

è più forte del giusto

e il giusto è più forte

di chi immaginazione non ha,

quella che prima devi uccidere

per trovare te stesso

e rimetterti in campo

con armi nuove

mai viste

che danno potere

potere giusto

potere su te stesso

potere e serenità

palce, calma,

come un mare che

fluttua onde meravigliose

ognuna irrepetibile

come le nuvole

come la vita

come te

(Carminio Scuro)

Tags: , , , , ,

 
Scritto da Nith (del 23/04/2007 @ 10:48:41, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1492 volte)

il link per la traduzione è in fondo alla poesia

Llénate de mí.
Ansíame, agótame, viérteme, sacrifícame.
Pídeme. Recógeme, contiéneme, ocúltame.
Quiero ser de alguien, quiero ser tuyo, es tu hora,
Soy el que pasó saltando sobre las cosas,
el fugante, el doliente.

Pero siento tu hora,
la hora de que mi vida gotee sobre tu alma,
la hora de las ternuras que no derramé nunca,
la hora de los silencios que no tienen palabras,
tu hora, alba de sangre que me nutrió de angustias,
tu hora, medianoche que me fue solitaria.

Libértame de mí. Quiero salir de mi alma.
Yo soy esto que gime, esto que arde, esto que sufre.
Yo soy esto que ataca, esto que aúlla, esto que canta.
No, no quiero ser esto.
Ayúdame a romper estas puertas inmensas.
Con tus hombros de seda desentierra estas anclas.
Así crucificaron mi dolor una tarde.

Quiero no tener límites y alzarme hacia aquel astro.
Mi corazón no debe callar hoy o mañana.
Debe participar de lo que toca,
debe ser de metales, de raíces, de alas.
No puedo ser la piedra que se alza y que no vuelve,
no puedo ser la sombra que se deshace y pasa.

No, no puede ser, no puede ser, no puede ser.
Entonces gritaría, lloraría, gemiría.

No puede ser, no puede ser.
Quién iba a romper esta vibración de mis alas?
Quién iba a exterminarme? Qué designio, qué? palabra?
No puede ser, no puede ser, no puede ser.
Libértame de mí. Quiero salir de mi alma.

Porque tú eres mi ruta. Te forjé en lucha viva.
De mi pelea oscura contra mí mismo, fuiste.
Tienes de mí ese sello de avidéz no saciada.
Desde que yo los miro tus ojos son más tristes.
Vamos juntos. Rompamos este camino juntos.
Ser? la ruta tuya. Pasa. Déjame irme.
Ansíame, agótame, viérteme, sacrificarme.
Haz tambalear los cercos de mis últimos límites.

Y que yo pueda, al fin, correr en fuga loca,
inundando las tierras como un río terrible,
desatando estos nudos, ah Dios mío, estos nudos,
destrozando,
quemando,
arrasando
como una lava loca lo que existe,
correr fuera de mi mismo, perdidamente,
libre de mí, Curiosamente libre.
¡Irme, Dios mío, irme!

traduzione

Tags: , , , , , ,

 
Scritto da Nith (del 15/04/2007 @ 23:08:58, in Diario Pensieri Poesie, linkato 2774 volte)



Mémoire

Le temps érode les images, les souvenirs
Avec lesquels nous ne pensions pas pouvoir vivre;
Il ne nous en laisse qu'une amertume triste;
Et quelques points sensibles, à ne pas toucher.

On regretted parfois de ne plus en souffrir,
Tellement ils méritaient que l'on s'en souvienne.
C'est la vie qui s'en va de nous, c'est une absence
Qui nous lasse plus seul, sans peine, sans amour.
Memoria

Il tempo corrode le immagini, i ricordi
Senza i quali noi pensiamo di non poter vivere
Esso non ci lascia che un'amarezza triste
E qualche punto sensibile, da non toccare

Ci dispiace, talvolta, d'aver smesso di soffrirne
Talmente meritavano di esser ricordati
E' la vita che se ne va da noi, è un'assenza
Che ci lascia più soli, senza pena, senza amore.


Desiderium

Le désir se nourrit d'absence, de regrets,
De la violence des rencontres difficiles
Du souvenirs moins pur que la réalité,
Et, toujours, de la peur d'avoir perdu l'amour.
Desiderio

Il desiderio si nutre di assenze, di rimpianti,
Della violenza degli incontri difficili
Dei ricordi piuttosto che della realtà
E, sempre, della paura d'avere perduto l'amore.

Le départ des amis

Il est dans mon destin de choisir mes amis
Parmi ceux-là qui passent,
Et de me trouver seul aux heures où la vie
Blesse mon ame lasse.

L'attirance des ports apelle les naufrages
Sur mon jeune horizon;
Comme ils sont nobles, fiers et beaux les chers visages
Des amies qui s'en vont!!

Je dis avec orgueil vos noms dans mon silence
Et vous m'apparaissez
Oh! Vous tous,qui, parties avec mon enfance,
Etres dans mon passé.

Mes amis, mes amis! Vers l'inquiétante Afrique
Bientot je partirai
Fasse l'amer souci que mon sort nostalgique
Vous retrouve à jamias.

Car ce soir la pensée intense qui me brule
Au coeur de tant d'amour,
Me raméne vers vous comme le crepuscule
Triste, achève le jour.
La partenza degli amici

Fa parte del mio destino scegliere gli amici
Fra coloro che passano,
e ritrovarmi solo nelle ore in cui la vita
Ferisce la mia anima stanca.

L'attrazione dei porti chiama i naufraghi
Sul mio giovane orizzonte
Come sono nobili, fieri e belli i cari visi
Degli amici che se ne vanno!

Ripeto con orgoglio i vostri nomi
Immerso nel silenzio
E voi mi apparite
Oh! Voi tutti che siete svaniti con la mia infanzia
Esseri del mio passato.

Amici, amici! Verso l'inquietante Africa presto partirò
Possa io ritrovarvi sempre facendo fronte all'amaro dolore
Del mio destino nostalgico

Poiché stasera il pensiero intenso che mi brucia
nel cuore di tanto amore
Mi conduce verso di voi come il crepuscolo
Triste, conclude il giorno.

Tratto da:
Louis Brauquier - Il Poeta del mondo meticcio di Marsiglia, di Francesca Mazzucato
(scarica gratuitamente il libro in formato elettronico)


Tags: , ,
 
Scritto da Nith (del 02/04/2007 @ 20:50:28, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1269 volte)
Quando avevi la mia età avevo cinque anni. Mi portaste in Africa, il primo viaggio lungo. Mi trattavi già da adulto e m'hai insegnato, in una piscina e poi al mare, a tuffarmi..che conquista.
Eri allegro e solare. Ottimista sempre, anche nei momenti peggiori. Me li hai fatti vivere consapevolmente ma con dignità, serenità e coraggio..
Portavi ovunque sempre allegria, ti piaceva parlare e ascoltare e partecipavi sempre con gioia a tutto, quando si stava insieme agli altri, in famiglia o con gli amici.
M'hai insegnato cosa significa amare, amare veramente, senza distinzioni e mai a parole ma con l'esempio, nel quotidiano, giorno per giorno.. e così facendo m'hai anche insegnato ad essere padre, in qualche modo..
Quando abitavamo a Roma, di sera in cucina sulle tue ginocchia, mi leggevi le storie della bibbia.
Avevo appena iniziato le elementari e hai cominciato a parlarmi in inglese, le prime parole.
Mi portavi con te, in mezzo ai boschi e una volta m'hai anche fatto sparare...che dolore il rinculo del fucile sulla spalla e tu e Carlo che ridevate.
M'hai dato fiducia, avevo appena 11 anni e mi facevi attraversare la periferia e la città per finire la scuola dove l'avevo iniziata, che orgoglio..
Quando andavamo in giro mi insegnavi ad osservare, ad apprezzare ciò che c'è intorno, avevi una storia sempre per ogni cosa e conoscevi ogni singola fontanella di Roma.
Portavi me e i miei compagni, cui piacevi tanto, in giro per la città a spiegarci monumenti come ai turisti.
M'hai messo le rotelle alla bici...e un bel giorno me le hai anche tolte, quanti pianti, ma non me le hai rimesse, solo una, per mezz'ora, poi l'hai ritolta subito... ed ho imparato ad andare in bicicletta quel giorno
Mi portavi sulla tua bicicletta, una bottecchia verde bottiglia, su un minisellino montato sulla canna, che paura, ma me l'hai fatta passare e quanto ci piaceva passare sul ponte di ferro, dove la bici vibrava e noi ridevamo.
E quando andavamo allo zoo, col tram. Ci mettevamo al centro, dove c'è la piattaforma che gira..e gira.. e gira.
La scuola era più scuola a casa che a scuola, sapevi sempre tutto però dicevi che non potevi vincere ai quiz perchè eri diventato lento coi riflessi...
M'hai insegnato che quando viene da dire "non ce la faccio più", si può ancora fare quello sforzo per altre dieci volte, è stato uno dei consigli tuoi più preziosi e che nella vita m'è servito di più.
Sono infinite le cose che m'hai tramandato, a volte velate, a volte svelate, che ho capito crescendo e che ancora oggi mi giungono.. come la luce delle stelle.
Buon compleanno vecchio mio!

Tags: , , , , , ,
 
Scritto da Nith (del 13/02/2007 @ 21:33:00, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1338 volte)



Voglio che tu sappia
una cosa.
Tu sai com'è questa cosa:
se guardo
la luna di Cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco l'impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste,
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m'attendono.
Orbene,
se a poco a poco cessi d'amarmi
cesserò d’amarti a poco a poco.
Se d'improvviso mi dimentichi.
non cercarmi,
chè già ti avrò dimenticata.
Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
che passa per la mia vita
e ti decidi a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.
Ma
Se ogni giorno,
ogni sera
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile
se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi
ahi, amore mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né dimentica
il mio amore si nutre del tuo
amore, amata,
e finché tu vivrai starà
tra le tue braccia
senza uscire dalle mie.

Se tu mi dimenticassi (Pablo Neruda)


San Valentino, la festa degli innamorati e i proverbi di carnevale

Nel tardo Medioevo, quando il 14 febbraio corrispondeva in realtà alla fine del mese a causa,del calendario giuliano che anticipa­va rispetto all' anno solare, nacquero alcuni proverbi annunciare l'ormai vicina primavera. In questo periodo, la temperatura si è un poco intiepidita, gli uccellini cominciano a cantare sugli alberi e ad accoppiarsi sicché si diceva che «Per San Valentin la lodola fa il ni­do» e «Per San Valentino la primavera sta vicino». E siccome già fioriscono le siepi nei luoghi più riparati dalla tramontana, si coniò anche il proverbio: «Per San Valentino fiorisce lo spino».
San Valentino fu un vescovo di Temi, martire a Roma nel 273 durante la persecuzione di Aureliano e sepolto nella sua città, in una basilica che ancora oggi è meta di pellegrinaggi da tutto il mondo. Il suo culto si diffuse durante il Medioevo in Europa, fino in Inghilterra, grazie ai benedettini che officiavano anche la sua basilica. E fu proprio in Francia e in Inghilterra che, grazie a una coincidenza ca­lendariale, sorse il suo patronato sui fidanzati e gli innamorati, seb­bene Valentino non li avesse in alcun modo favoriti o protetti. Poi­ché, verso il 14 febbraio, gli uccellini cominciavano ad accoppiarsi, nacque il proverbio «A San Valentino ogni valentino sceglie la sua valentina» e insieme con il proverbio la festa dei fidanzati che in Inghilterra, fin dal secolo XV, iniziarono a scambiarsi bigliettini tene­ramente scherzosi.
Siamo nel cuore del Carnevale che, cominciato secondò le zone o il 6 gennaio, all'Epifania, o il 17 gennaio, alla festa di Sant'Antonio aba­te, dura fino alla mezzanotte del martedì grasso nel rito romano e alla mezzanotte del sabato successivo in quello ambrosiano. Una vol­ta per i contadini era un periodo in cui si poteva prevedere il tempo futuro. Si diceva: «Carnevale al sole; Pasqua al fuoco, Carnevale al fuoco, Pasqua al sole», dove il fuoco indicava il caminetto e in senso traslato il brutto tempo. Una previsione che si basava sull' esperienza perché sappiamo bene che, se l'inverno è asciutto e sereno, probabil­mente nel periodo pasquale pioverà a dirotto o viceversa.
Un altro proverbio invita a scambiarsi visite e inviti: «Carnevale in casa d'altri e Natale in casa tua». Chi invece non nuota in buone acque e non ha né tempo né voglia di ridere bofonchierà: «In Carne­vale il povero a zappare». Ma vi è anche chi saggiamente non si la­scia amareggiare dalle ristrettezze ed esclama: «Per Berlingaccio chi non ha ciccia ammazza il gatto». È un proverbio toscano dove Ber­lingaccio, che deriva dal tedesco antico bretling, tavola, è sinonimo di giovedì grasso, ma anche per estensione di persona grassa, alle­gra, bene in carne. Carnevale è poi tempo di follie, scherzi e qeffe che si devono accettare di buon grado, come afferma il proverbio: «Di Carnevale ogni scherzo vale».
Sull' origine"e sul significato della parola numerose e çontrastanti sono le ipotesi. Secondo l'interpretazione più corrente deriverebbe 'dal latino ri1'édievale carni levamen, che significa «sollievo per la car­ne» e_dunque libertà temporanea concessa agli istinti più elementa­ri. Vi è anche,chi ha un'altra teoria"che derivi da carnes levare, cioè«togliere le carni», o da carni vale!; «carne addio!», perché una volta in questo periodo si esaurivano in orge gastronomiche le ultime scorte di carni prima della primavera.
Forse la prima ipotesi è la più esauriente poiché nell'immaginario medievale cristiano era la «carnalità» a trionfare prima della Quare­sima,"periodo di purificazione e penitenza come preparazione alla Pasqua. Tuttavia il Carnevale è la reinterpretazione cristiana di una festa di passaggio da un anno all'altro, che si ritrova in varie tradi­zioni orientali e occidentali, dai Saturnalia romani alle bacchiche An­testerie greche sino alle feste che precedevano l'equinozio primave­rile a Babilonia.

Alfredo Cattabiani

Tags: , , , , , ,
 
Scritto da Nith (del 18/01/2007 @ 15:12:02, in Diario Pensieri Poesie, linkato 3588 volte)

Se riesci a mantenere la calma quando tutti attorno a te
la stanno perdendo e danno la colpa a te;
Se sai aver fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te,
tenendo però nel giusto conto i loro dubbi;
Se sai aspettare senza stancarti di aspettare,
o essendo calunniato non rispondere con calunnie, 
o essendo odiato non dare spazio all'odio senza tuttavia sembrare troppo buono, 
nè parlare troppo da saggio;
Se sai sognare senza fare dei sogni i tuoi padroni;
Se riesci a pensare senza fare dei pensieri il tuo fine;
Se sai incontrarti con il successo e la sconfitta e
trattare questi due impostori proprio allo stesso modo;
Se riesci a sopportare di sentire la verità che tu hai detto, 
distorta da imbroglioni che ne fanno una trappola per ingenui;
o guardare le cose, per le quali hai dato la
vita, distrutte e umiliarti a ricostruirle con i tuoi
strumenti ormai logori;
Se sai fare un'unica pila delle tue vittorie e rischiarla
in un solo colpo a testa o croce e perdere, e
ricominciare di nuovo dall'inizio senza mai lasciarti
sfuggire una parola su quello che hai perso;
Se sai costringere il tuo cuore, i tuoi nervi, i tuoi
polsi a sorreggerti anche dopo molto tempo che non te li
senti più e così a resistere quando in te non c'è più
nulla tranne la volontà che dice loro: "Resistete!"
Se sai parlare con i disonesti senza perdere la tua
onestà o passeggiare con i re senza perdere il comportamento normale;
Se non possono ferirti né i nemici, né gli amici affettuosi;
Se per te contano tutti gli uomini, ma nessuno troppo;
Se riesci a riempire l'inesorabile minuto dando valore ad ogni istante che passa, 
tua è la Terra e tutto ciò che vi è in essa, e - quello che più conta - 
tu sarai un uomo, figlio mio

Rudyard Kipling (wiki)

 Tags: , , , , ,

 
Scritto da Nith (del 16/01/2007 @ 09:16:19, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1235 volte)
 
 
Scritto da Nith (del 26/12/2006 @ 18:41:10, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1220 volte)

Quando ero bambino amavo una ragazza della mia età che era un po' strabica. L'impressione che si formava attraverso la vista nel mio cervello, quando guardavo i suoi occhi smarriti, si collegava a tal punto alla mia passione amorosa che ancora molto tempo dopo, vedendo le persone strabiche, mi sentivo più incline ad amarle, per il solo fatto che avevano questo difetto, anche se ne ignoravo il vero motivo. Dopo che ci ho riflettuto sopra e ho scoperto trattarsi di un difetto, non ne sono rimasto più influenzato.

Cartesio

 Tags: , , , , ,

 
Scritto da Nith (del 25/12/2006 @ 09:58:04, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1640 volte)



"Le radici del cielo sono nel silenzio profondo e costante. Le radici del cielo sono fatte di un grande vuoto, poichè nel vuoto c'è energia, incalcolabile, vasta e profonda."
Jiddu Krishnamurti


[...e cominciò a viaggiare per il mondo esprimendo il suo pensiero, basato su una assoluta coerenza interiore e una indipendenza totale da qualunque tipo di organizzazzione.] (tratto da wiki.it)

Krishnamurti.it

Tags: , , , , ,


 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

12/12/2018 @ 15:25:05
script eseguito in 45 ms


< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Arte Cultura (49)
Diario Pensieri Poesie (61)
Economia Politica Societa' (50)
Eventi (28)
Giochi (18)
PocoBLog (82)
Salute (27)
Tecnologia (11)
Viaggi (15)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
hola
14/08/2008 @ 20:11:55
Scritto da t
..Secondo me e' fa...
14/08/2008 @ 04:25:45
Scritto da fabio
Mi sembra che si s...
22/07/2008 @ 18:56:07
Scritto da Nunzia
dovrebbe essere ne...
21/06/2008 @ 23:11:35
Scritto da Virgola
Qualcuno ha la tra...
21/06/2008 @ 23:10:52
Scritto da Virgola