Cerca in PocoBLog
 
Immagine
 Nuvole avanzano sul deserto del Sinai... di Biondic
| Poco.it | Cafe' | Bookmark Poco |

Visite: 263021




Titolo
Belem (3)
Bianco e nero (2)
Bratislava (14)
Coimbra (1)
Digital (3)
Headers (13)
Ivanteevka Russia (7)
Lisboa (1)
Porto (2)
Promocard (4)
Sinai desert (2)
Tivoli (9)
Tomar (1)

Le foto più cliccate

 

www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from pocoblog. Make your own badge here.

Titolo







\\ PocoBLog : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Scritto da Oso (del 17/10/2005 @ 16:46:49, in Arte Cultura, linkato 824 volte)
Grigori Rasputin Vladimir Lenin Cristo Bin Laden Padre Pio Lucifero Dio-Michelangelo Karl Marx Babbo Natale - Coca Cola Stanley Kubrik Fidel Castro Confucio Giuseppe Garibaldi Osho Rajneesh Shamil Basayev Leonardo da Vinci Charles Darwin Seyyed Ruhollah Khomeini Konrad Lorenz Sigmund Freud Jim Morrison Enzo Brusca Lev Tolstoj Charles Manson Galileo Galilei
Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 16/10/2005 @ 13:28:22, in Arte Cultura, linkato 1682 volte)


"nelle sue opere scopre il precipizio sotto la banalità quotidiana e entra con forza nelle stanze chiuse dell'oppressione"

[affermazione etsratta dalla motivazione dell'Accademia del Nobel - Stoccolma 2005]

Harold Pinter premio Nobel

Sono molto contento di questo riconoscimento importante. Quando ho sentito la notizia, tre giorni fa, ho provato appagamento.

Era il 1993 e lavoravo a tempo pieno in un noto albergo della capitale. In quell'albergo ha stanziato per qualche anno, un attore romano tale Giacomo Piperno , il suo laboratorio teatrale. Con lui ho avuto modo di penetrare nel magico mondo del teatro. Che emozione veniva fuori in fiumi di lacrime e risate che imponevano con rigore e grazia alla vita la sua dignità..nonostante le difficoltà della vita, nonostante tutto...
Harold Pinter era per me, 23 enne appena, sconosciuto come tante cose ancora oggi. Provavamo in un teatro vero e proprio, sul palco, imparavamo a fare l'attore, giocavamo alle maschere che insieme a quellle della vita stavano a guardare il tempo che passava..
Giacomo vero professionista del teatro e del cinema (a proposito, sapete chi è Giacomo? Molti di voi l'hanno visto nel film "Il piccolo diavolo" con R.Benigni. C'è una scena in cui un signore entra in un vagone del treno ed intrattiene un dialogo con l'attrice Stefania Sandrelli, ebbene quel signore è Giacomo), uomo di grande cultura e bontà, reclamava da noi alunni scoordinati, la massima concentrazione per reggere i dialoghi di Harold Pinter senza cadere nel banale, nel comico, nel ridicolo e  dare al teatro di Pinter la sua vera natura. Una natura che nasconde dietro dialoghi semplici gli immensi baratri dell'esistenza. Ricordo le prove del Calapranzi, i dialoghi assurdi...  Apparentemente soltanto! Nei panni di Gus non esisteva più niente, solo il palco, noi stessi e quelle parole pronunciate che davano un'indicazione alle nostre idee ed una direzione alle nostre anime.

I primi anni di lavoro di Harold Pinter furono accompagnati da critiche dure ed immeritate, atte spesso a stroncare volontariamente stili "troppo eversivi" (vedi http://www.poco.it/dblog/articolo.asp?articolo=109).
Si diceva che non aveva nulla da dire, che era incomprensibile, inaccettabile ed eccentrico.
Gia da molti anni H.P. è stato rivalutato con totale consenso di critica ed oggi gli viene riconosciuto il più prestigioso dei Premi per il lavoro svolto, il Nobel.

Se vi interessa riporto qui la parte iniziale dell'opera "Il calapranzi" di Harold Pinter  rappresentato per la prima volta all' Hampstead Theatre Club il 21 gennaio del 1960: 

Personaggi:   BEN
                     GUS

La scena: Una stanza in un seminterrato. Due letti contro la parete del fondo scena. Tra i due letti il vano del cala­pranzi, chiuso. Una porta che va in cucina e al gabinetto, a sinistra. Una porta che si apre sul corridoio, a destra. 

Ben è sdraiato sul letto; a sinistra, legge un giornale. Gus è seduto sul letto, a destra, si sta allacciando le scarpe, con difficoltà. .Tutti e due indossano camicia,"Pantaloni con bretelle. Silenzio. Gus finisce di allacciarsi k scarpe, si alza, sbadiglia e si avvia lentamente verso la porta, a si­nistra. Si ferma, guarda una scarpa e scuote il piede. Ben abbassa il giornale e lo osserva. Gus si inginocchia, si allaccia una scarpa e se la toglie. Guarda_ dentro la scarpa e m fuori una scatola di fiammiferi schiacciata. Scuote la scatola e la guarda. I loro sguardi si incontrano. Ben scuote il giornale e riprende a leggerlo. Gus si mette la 5OitOla di fiammiferi in tasca e si piega per rimettersi la scarpa. Allacciandola con difficoltà. Ben abbassa il gior­nale e lo osserva. Gus, si avvia di nuovo verso la porta, a sinistra, si ferma e scuote l'altro piede. Si inginocchia, si schiaccia la scarpe se la toglie lentamente, Guarda dentro 1:.. scarpa e tira fuori un pacchetto di sigarette schiacciato. Scuote il pacchetto e lo guarda. I loro sguardi si incontra­no.. Ben scuote il giornale e riprende a leggerlo. Gus si mette il pacchetto in tasca, si piega, si rimette la scarpa e la riallaccia. Esce a sinistra. Ben sbatte il giornale sul letto ;: fa una smorfia in direzione di Gus. Riprende il giornale, .si sdraia supino e ricomincia a leggere. Silenzio. Dalle _e si sente tirare per due volte uno sciacquone che non funziona. Silenzio. Gus rientra, da sinistra, si ferma 5clIa porta, si gratta la testa. Ben sbatte giù il giornale con violenza.

 

BEN       Cristo! (Raccoglie il giornale) Questa poi? Senti un po'! (Riferendosi al giornale) Un uomo di ottantasette an­ni vuole attraversare la strada ma non ci riesce perché c'è una coda compatta di macchine e non un buco per passa­re. Decide di infilarsi sotto un camion, e di attraversarlo a quattro zampe.

 

GUS        Cosa?

 

BEN        È passato sotto un camion, a quattro zampe. Un ca­mion in coda.

 

GUS        No?


BEN        II camion è ripartito e lo ha schiacciato.


BEN        C'è scritto qui.


GUS        Ma dai!

 

 

GUS        Ma smettila! 

 

BEN        Quanto basta per farti rivoltare lo stomaco. 

 

GUS        Come gli è venuto in mente di fare una cosa del ge­nero?


BEN        Un uomo di ottantasette anni a quattro zampe sotto un camion! 

 

GUS        Da non credersi.

 

BEN        È scritto qui, riero su bianco. 

 

GUS        Incredibile. (Silenzio. Gus scuote la testa ed esce. Ben si sdraia e ricomincia a leggere. Dalla
quinta si sente tirare di nuovo lo sciacquone che non funziona. Ben fa un fischio per sottolineare un'altra notizia sul giornale. Gus rientra) Volevo chiederti una cosa.

 

BEN        Che fai li fuori?

 

GUS        Beh, stavo solo... 

 

BEN        E il tè?

 

GUS        Ora lo faccio.

 

BEN        E dai, fallo.

 

GUS        Si, adesso. (Si siede su una sedia. Rimuginando) Beh, non posso dire che stavolta non ci abbia fatto trovare un bel servizio. È a righe. C'è una riga bianca. (Ben legge). Devo dire che è proprio bello. (Ben gira la pagina). Sai, tutto intorno alla tazza. Intorno all' orlo. Per il resto è tut­ta nera. Anche il piattino è tutto nero, è bianco solo al centro, li dove appoggi la tazza. (Ben legge).Anche i piatti sono uguali, sai. Solo che loro hanno una riga nera... i piatti... di traverso, nel mezzo. Si, mi piace proprio que­sto servizio.

 

BEN        (sempre leggendo) Che te ne frega dei piatti? Non sei qui per mangiare.

 
 

 

 Muovermi fra le parole, sceglierle, guardarle affiorare sulla pagina, tutto ciò mi procura un piacere immenso. Ma poi, in scena, è nel silenzio che i personaggi acquistano maggior presenza.

Il mio lavoro non è quello di impormi ai personaggi, di sottometterli a una falsa articolazione. Il rapporto tra un autore e i personaggi deve essere un rapporto di rispetto.

(Harold Pinter)

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Lex (del 16/10/2005 @ 13:12:05, in Diario Pensieri Poesie, linkato 976 volte)

fu luce il fuoco e pane la luna risentita
il gelsomino duplicò il suo stellato segreto,
e del terribile amore le dolci mani pure
diedero pace ai miei occhi e sole ai miei sensi.

oh amore, come d'improvviso, dalle lacerazioni,
costruisti l'edificio della dolce fermezza,
sconfiggesti l'unghie maligne e gelose
e oggi davanti al mondo siamo come una sola vita.

così fu, così è e così sarà fino a quando,
selvaggio e dolce amore, beneamata Matilde,
il tempo c'indicherà il fiore finale del giorno.

senza te, senza me, senza luce più non saremo:
allora oltre la terra e l'ombra
lo splendore del nostro amore continuerà ad essere vivo.

 

PABLO NERUDA

XIII da "Cento sonetti d'amore"

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Lex (del 15/10/2005 @ 23:35:38, in Arte Cultura, linkato 1005 volte)

"è una spiaggia importante questa. fu proprio su queste spiagge che camminò Krishna, quello stesso Krishna che disse ad Arjuna, allorchè si preparava a scendere sul campo di battaglia -non ti preoccupare, non avere paura. Non temere di uccidere o di essere ucciso, perchè io ti dico che nessuno muore e nessuno è in grado di uccidere-. Nessuno è mai morto; e ciò che non muore o può morire è già morto; e ciò che non muore e non può essere ucciso non ha alcuna possibilità di morire: è la vita stessa. Questa sera ci siamo inaspettatamente riuniti sulla stessa spiaggia dove una tempo camminava Krishna, queste spiagge hanno visto Krishna camminare. La gente deve aver creduto che Krishna sia morto veramente, poichè noi conosciamo la morte come unica verità, per noi tutti muoiono. questo mare e queste sabbie non hanno mai avuto la sensazione che Krishna morisse, questo cielo, queste stelle e questa luna non hanno mai creduto alla morte di Krishna. In realtà, nella vita non c'è posto per la morte, ma tutti hanno creduto che Krishna fosse morto. Anche noi lo crediamo, perchè siamo ossessionati dal pensiero della nostra morte. Perchè ci preoccupa tanto?..............

.......questa paura è legata ad una logica ben precisa, una logica molto interessante. Non abbiamo mai visto noi stessi morire, ma abbiamo visto morire gli altri, e questo ci rafforza l'idea che anche noi dovremmo morire. Cerca di comprendere questo tramite un esempio: una goccia vive nell'oceano insieme a migliaia di altre gocce, ma un giorno i raggi del sole la colpiscono, trasformandola in vapore e facendola sparire. Le altre gocce pensano che sia morta, e hanno ragione, poichè hanno visto questa goccia un attimo prima, ed ora è scomparsa. Eppure la goccia esiste ancora nelle nuvole, e a quest'ora sarà già ricaduta in mare, tornando ad essere una goccia. ma come faranno le altre goccie a saperlo senza compiere loro stesse quel viaggio?

Osho "l'immortalità dell'anima"

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 15/10/2005 @ 14:42:31, in Salute, linkato 1395 volte)
Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 14/10/2005 @ 21:24:57, in Salute, linkato 845 volte)

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 14/10/2005 @ 17:32:32, in Eventi, linkato 904 volte)

Anche quest'anno si apre a Zagarolo lo "Stradarolo", il festival degli artisti per le strade della ridente cittadina a pochi chilometri da Roma.    Clicca sull'immagine per i dettagli sulla manifestazione.

 

 

 

 

 

 

 

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Oso (del 13/10/2005 @ 18:41:16, in Arte Cultura, linkato 860 volte)

Bloodhound gang - One fierce beer run

 Hello my name is Jimmy Pop and I'm a dumb white guy,
I'm not old or new but middle school fifth grade like junior high, I don't know mofo if y'all peeps be buggin' give props to my ho cause she all fly,
But I can take the heat cause I'm the other white meat known as 'Kid Funky Fried',
Yeah I'm hung like planet Pluto hard to see with the naked eye, But if I crashed into Uranus I would stick it where the sun don't shine,
Cause I'm kind of like Han Solo always stroking my own wookie,
I'm the root of all that's evil yeah but you can call me cookie

The roof, the roof, the roof is on fire,
The roof, the roof, the roof is on fire,
The roof, the roof, the roof is on fire,
We don't need no water let the motherfucker burn,
Burn motherfucker burn!

Yo yo this hard-core ghetto gangster image takes a lot of practice,
I'm not black like Barry White no I am white like Frank Black is,
So if man is five and the devil is six than that must make me seven,
This honkey's gone to heaven,
But if I go to hell then I hope I burn well,
I'll spend my days with J.F.K., Marvin Gaye, Martha Raye, and Lawrence Welk,
And Kurt Cobain, Kojak, Mark Twain and Jimi Hendrix's poltergeist,
And Webster yeah Emmanuel Lewis cause he's the anti-christ,
The roof, the roof, the roof is on fire,
We don't need no water let the motherfucker burn,
Burn motherfucker burn.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Biondic (del 12/10/2005 @ 07:26:52, in Arte Cultura, linkato 803 volte)
Ieri a New York , durante un'asta di Sotheby's la fotografia denominata "The Breast", "il Seno"di Edward Weston (1886-1958) e` stata aggiudicata per la cifra di 822.400 dollari.
E` record di ogni tempo per una fotografia.
Questa forma di arte, negli ultimi anni, sembra stia guadagnando l'attenzione che merita. Infatti, e` mia opinione, che tramite lo scatto si possano creare composizioni ed immagini bellissime. Non meno importante e suggestivo e` il racconto della realta' tramite uno scatto, un'immagine, un'attimo colto. E "colgo" l'occasione per linkarvi un sito di Eduard Weston e della sua arte.
"Immortalare la realta' in una dimensione nuova, tramite la fotografia".
Buona visione.
The Breast
Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 11/10/2005 @ 11:32:17, in Arte Cultura, linkato 812 volte)

World Press Photo è il più prestigioso concorso di fotografia giornalistica del mondo e compie 50 anni.
Qui potete ammirare le foto vincitrici del concorso degli anni precedenti, 47 immagini per ripercorrere la storia, così com'è. Vai alle immagini.

Nella homepage del sito si legge:
"Our mission is to encourage high professional standards in photojournalism and to promote a free and unrestricted exchange of information".. bello no?

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

23/08/2019 @ 04:39:34
script eseguito in 68 ms


< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
Arte Cultura (49)
Diario Pensieri Poesie (61)
Economia Politica Societa' (50)
Eventi (28)
Giochi (18)
PocoBLog (82)
Salute (27)
Tecnologia (11)
Viaggi (15)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
hola
14/08/2008 @ 20:11:55
Scritto da t
..Secondo me e' fa...
14/08/2008 @ 04:25:45
Scritto da fabio
Mi sembra che si s...
22/07/2008 @ 18:56:07
Scritto da Nunzia
dovrebbe essere ne...
21/06/2008 @ 23:11:35
Scritto da Virgola
Qualcuno ha la tra...
21/06/2008 @ 23:10:52
Scritto da Virgola