Cerca in PocoBLog
 
Immagine
 belem... di Nith
| Poco.it | Cafe' | Bookmark Poco |

Visite: 310848




Titolo
Belem (3)
Bianco e nero (2)
Bratislava (14)
Coimbra (1)
Digital (3)
Headers (13)
Ivanteevka Russia (7)
Lisboa (1)
Porto (2)
Promocard (4)
Sinai desert (2)
Tivoli (9)
Tomar (1)

Le foto più cliccate

 

www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from pocoblog. Make your own badge here.

Titolo







\\ PocoBLog : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Scritto da Nith (del 27/10/2005 @ 10:24:40, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1630 volte)

Quando noi ci lasciammo
In silenzio e in lacrime,
Spezzato a mezzo il cuore
Nel doverci dividere per anni,
La tua guancia divenne fredda e pallida
E più freddo il tuo bacio;
Quell'ora veramente fu presagio
Del dolore di questa.

La rugiada dell'alba
Scese gelida sopra la mia fronte:
Io sentii come il monito
Di ciò che sento ora.
Son spezzati i tuoi voti,
Hai fama di volubile:
Sento dire il tuo nome
E ne divido l'onta.

Chi innanzi a me ti nomina
Suona a morto al mio orecchio;
Un brivido mi scuote:
Perché eri tanto cara?
Essi non sanno che ti ho conosciuta,
Che ti ho conosciuta troppo bene:
A lungo a lungo avrò di te un rimpianto
Troppo profondo a dirsi.

C'incontrammo in segreto: in silenzio
Mi dolgo che il tuo cuore
Possa avermi scordato,
Tradito la tua anima.

Se dovessi incontrarti
Dopo lunghi anni,
Come salutarti?
Con silenzio e con lacrime.

George Byron

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Oso (del 27/10/2005 @ 10:20:54, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1432 volte)

Er Canaro, al secolo Pietro De Negri, è libero, meglio, è ai domiciliari dopo 16 anni di carcere. In molti ci ricordiamo di quel “fattaccio brutto” che ci fece chiedere “Ma a che punto può arrivare un uomo?”. Se l’è chiesto pure il magistrato, al quale il De Negri rispose: “Dottò, quell’infame non moriva mai. Continuava a respirare. E’ stata dura, ma se rinascessi lo rifarei di nuovo.” Il suo memoriale dal titolo “Metamorfosi di una strana ibernazione forzata” racconta i dettagli di questa storia fatta di piccoli delinquenti, droga, truffe e soprusi che costarono caro a Giancarlo Ricci, un forzuto ex pugile ritrovato un po’ qua un po’ la in una discarica di periferia.
Intanto passa la famigerata legge Moratti, studenti in piazza e rettori in sciopero. Ma l’università italiana piaceva tanto così come era? La domanda proviene da uno studente dottorando che in università ci ha passato quasi 16 anni (quanto il canaro in carcere!) e che ne ha viste di cotte ma soprattutto di crude. Baronato, nepotismo, mobbing, ricatti, concorsi ad personam… una vera immondizia! Il precariato è una realtà, spiacevole, ma normale nelle università di tutta Europa, inoltre questo decreto toglie molti privilegi agli atenei, il più importante dei quali è la gestione da parte del MIUR di tutti i concorsi. E’ prevista la pianificazione delle carriere con passaggi di livello calendarizzati e quantificati. La fine dei baroni. Fanno bene gli studenti a protestare per la precarietà, che comunque parte dal 2013 e cioè tra otto anni! Mi domando se hanno intenzione tutti di diventare professori o ricercatori universitari?
Vorrei dare un consiglio alla onorevola deputata santanchè (minuscola). Deputata di AN, non si fa mancare nulla! Comunque, quel dito se lo tenesse al caldo, non si sa mai!
Magica per una notte. Magica e strepitosa, la Roma espugna San Siro dopo 11 anni grazie ad una straordinaria prestazione sportiva che si può riassumere nel gol del 2a0 del capitano STREPITOSO!!! A parte l’ingiusta espulsione di Totti (uscita con lacrima), “ma come? lo aggrediscono e viene espulso?”, decretata dall’arbitro Rosetti (internazionale?) una giornata eroica per il modo in cui (altri tempi) la Roma difende per più di mezzora il risultato bloccato per fortuna sul finale 2a3.
Da sempre sulla graticola e tra l’incudine di tifosi e giornalisti, la Roma soffre e mostra i segni e le ferite di una gestione societaria a dir poco malsana. Ad meliora! Comunque ecco lo sfogo di un giocatore giallorosso raccolto in albergo da un giornalista (indiscreto.it) alla vigilia della partita di milano (si, minuscolo):
Non ce la faccio più. Sento che sto per esplodere, anche se il più delle volte mi sento svuotato, senza stimoli. L'unica voglia che ho è quella di scappare il più lontano possibile da Roma e dalla Roma. Tutto va male, tutto. La squadra è scarsa: come facevano a pensare che si potesse lottare per le prime posizioni, quando con la stessa squadra l'anno scorso abbiamo appena evitato la retrocessione? I tifosi ci massacrano, prima del derby ci hanno fatto capire, in tremila, che se avessimo perso ci avrebbero ammazzato. Come si sa abbiamo pareggiato, ma ieri ci hanno detto che se perdiamo contro l'Inter accadrà lo stesso. La società non solo non ci difende, ma ci fa del male, volutamente, tramite la stampa locale. So che pare una follia, anche raccontata a chi vive di calcio come voi, ma ci sono dei dirigenti che gonfiano qualsiasi cosa, facendo affermazioni false, per influenzare in modo scientifico i giornalisti. Perché? Semplice, così la colpa è nostra e non della società. Un esempio? A Empoli Chivu ha preso una botta al tallone, niente di grave. Cosa hanno scritto? Che ha una distorsione alla caviglia. Il giorno dopo i tifosi gli dicono che si fa sempre male, che è uno molle. Un altro esempio? Il contratto di Cassano: gli stessi dirigenti ad Antonio dicono una cosa, ai giornalisti un'altra. E così agli occhi della gente quello che fa la brutta figura, il mercenario, risulta essere Cassano. Un altro esempio ancora? Quello che viene fatto con i giovani: un giorno fenomeni, il giorno dopo scarsi. E non è la stampa a cambiare idea da un giorno all'altro, ma proprio chi qui dentro lavora e dovrebbe avere un minimo di coerenza. In questo quadro come fa un giocatore a sacrificarsi davvero per la Roma? Gli stessi dirigenti hanno detto ai giornalisti-amici che sono in quattro, i veri colpevoli dell'andamento cattivo della squadra: Mancini, Chivu, De Rossi e Montella. Ovvio che poi i tifosi, soprattutto quelli volgari e violenti, se la prendano con loro: se io fossi uno di questi quattro aspetterei solo il momento giusto per andarmene. Anzi, lo aspetto lo stesso. Prima del derby le nostre macchine sono state colpite, ci hanno sputato addosso. Poi arriva in macchina Totti e tutti lo baciano, lo adorano. Ma come, per lui sempre baci e per noi sempre sputi? Ma a Roma è così, Totti verrà sempre considerato il migliore, l'unico senza colpe. Alla Roma comandano gli ultras, è pazzesco. Le radio romane dicono quello che vogliono gli stessi tifosi, poi così anche i giornali: senza il minimo senso critico, senza andare a vedere se il personaggio tanto amato dai tifosi sta facendo il furbo. Tremendo. Mancini in estate non ce la faceva più, è arrivato a un punto tale da andare da solo a Milano, alla sede di calciomercato, per cercarsi una squadra. Ha rischiato il linciaggio, al suo ritorno. Tre giorni prima del derby abbiamo giocato a Tromsoe, in Norvegia, in Coppa Uefa. Un freddo cane, molti titolari non hanno giocato e qualcuno è stato in panchina. Un freddo cane, preso inutilmente, se Spalletti non aveva comunque intenzione di far giocare certi elementi. Poi hanno deciso di non tornare subito a Roma, bensì il giorno successivo, a poco più di 48 ore dal derby. Ma come, ci siamo addormentati alle tre del mattino e alle sette ci siamo dovuti svegliare? Poi abbiamo preso un aereo dove non c'era spazio per muovere i piedi, tutti avevamo dei dolori quando siamo scesi, anzi, dico di più, nel secondo tempo del derby sono tornati i dolori. Roma sarà anche una bella città, se sei un turista o una persona normale, ma io non riesco più ad andarci. Vorrei scappare, ma come tutti quelli che vorrebbero scappare ho un contratto. Fortunato Cassano ad essere in scadenza....Veniamo descritti come mercenari, ma in realtà accettiamo di prendere i soldi quando capita e alle condizioni che la società ci propone: solo che nessuno lo scrive. Poi si chiedono perché tutti vogliamo andarcene alla Juventus, al Milan o all'Inter. Il vero problema è che queste tre società non ci cercano...''.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 26/10/2005 @ 09:49:47, in Eventi, linkato 1026 volte)

TRAMA:  "Attilio De Giovanni è un poeta innamorato della poesia e della bella Vittoria, che però non corrisponde al suo amore. Per conquistarla, l'esuberante Attilio non esiterà a cacciarsi nelle situazioni più assurde e più comiche che porteranno la sfortunata coppia in Iraq, proprio all'inizio del conflitto con gli americani. Attilio, senza conoscere una sola parola di arabo, inizia la sua guerra personale armato solo di poesia..."

Anche stavolta diventa veramente difficile esprimere opinioni sui film di Benigni. Di solito ciò che amo di più in un film è al regia. Ma non in questo caso. In effetti cè di meglio che non la direzione in questo film. Il messaggio di amore e poesia e l'inutilità della guerra per esempio.
Memorabile è il discorso/monologo che R.B. tiene in aula ai suoi studenti..ricordate Robin Williams nei panni del professore eccentrico in Carpe Diem? Lo stile è quello, entrare nel cuore e nell'anima dei ragazzi e smuovere ciò che i videogiochi, il benessere e la telvisione hanno sopito. Un'altro particolare che viene fuori da questo film è la caparbietà nel rincorrere il proprio Amore, una caparbietà forse d'aòtri tempi e alla quale non siamo più abituati. Buona visione!

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Oso (del 25/10/2005 @ 15:51:08, in Arte Cultura, linkato 948 volte)

BRUTO: Un'altra acclamazione generale! In verità io credo che questi applausi siano per alcuni nuovi onori piovuti sul capo di Cesare.
CASSIO: Ma, amico, egli sovrasta lo stretto mondo come un colosso, e noi omuncoli passeggiamo sotto le sue enormi gambe e scrutiamo attorno per trovarci tombe disonorate. Gli uomini, a un certo momento, sono padroni dei loro destini: la colpa, caro Bruto, non è nelle nostre stelle, ma in noi stessi, se noi siamo degli schiavi. Bruto e Cesare: che cosa dovrebbe essere in quel "Cesare"? Perché dovrebbe quel nome essere pronunziato più del vostro? Scriveteli accanto l'uno e l'altro, il vostro è nome altrettanto bello; pronunziateli, suona in bocca altrettanto bene; pesateli, esso è altrettanto peso; fate con essi degli scongiuri, e Bruto evocherà uno spirito così presto come Cesare. Ora, in nome di tutti gli dei insieme, di che cibo si nutre questo nostro Cesare ch'egli è divenuto sì grande?
O tempi, siete coperti di vergogna! O Roma, tu hai perduto la schiatta di nobili giovani! Quando mai passò un'epoca, dal gran diluvio in poi, che non fosse resa famosa da più di un uomo? Quando potevano dire finora coloro che parlavano di Roma, che le sue ampie mura non cingevano che "un" uomo? Ora sì ch'è Roma, e romita davvero, ché non vi è in essa che un solo uomo. Oh, voi ed io abbiamo udito i nostri padri dire che una volta vi fu un Bruto che avrebbe sopportato tanto facilmente che l'eterno diavolo tenesse la sua corte a Roma, quanto che ce la tenesse un re.

W. Shakespeare, Giulio Cesare, Atto primo, Scena seconda.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 21/10/2005 @ 20:57:30, in Eventi, linkato 940 volte)
Roma, 21 ottobre 2005 - 13:33
 
PASOLINI: A 30 ANNI DALLA MORTE, ROMA RICORDA IL POETA
 
Eventi, mostre, film, convegni con intellettuali, poeti e artisti, ma soprattutto la voce di un grande poeta rievocata da letture e filmati d'epoca. Roma si prepara cosi' a ricordare Pier Paolo Pasolini, ucciso trent'anni fa, la notte tra l'uno e il due novembre, all'Idroscalo di Ostia. Ricco l'elenco delle iniziative messe a punto dal Comune capitolino, che si protrarranno da ottobre a gennaio 2006. E' proprio Gianni Borgna, assessore alla Cultura ma anche, all'epoca, giovane amico e allievo del grande scrittore friulano, a illustrare alla stampa il ciclo di incontri dal titolo "Trent'anni dopo. Pasolini uno di noi". Oltre cinquanta iniziative che spaziano dal recital di Aisha Cerami (al Piccolo Jovinelli dal 25 al 30 ottobre) al quadrangolare di calcio, sport definito da Pasolini "uno dei grandi piaceri della vita" a San Basilio (il 29 ottobre); dall'inaugurazione del monumento all'Idroscalo, zona finalmente bonificata dopo decenni di incuria (il primo novembre) alla mostra "Pasolini e Roma" al Museo di Roma in Trastevere.
E poi un grande ciclo di proiezioni di tutti i film diretti da Pasolini, i documentari, i film su di lui, e come chicca la proiezione restaurata del contorverso "Salo'", ultima fatica del regista (alla Sala Trevi dal 29 novembre al 22 dicembre). Il clou delle iniziative si avra' al Teatro Argentina: il 31 ottobre il dibattito su "Pasolini Corsaro", incentrato sull'impegno politico dell'artista espresso soprattutto attraverso i celebri articoli per il Corriere della Sera, a cui parteciperanno sociologi come Franco Ferrarotti, politologi come Giorgio Galli, Carlo Lucarelli e Guido Calvi, gia' legale della famiglia Pasolini. A seguire, Lucarelli mettera' in scena, col suo inconfondibile stile, il dramma "Pasolini, un mistero italiano", ripercorrendo le circostanze dell'assassinio e le controverse indagini.
(AGI)
Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Biondic (del 21/10/2005 @ 08:33:32, in Economia Politica Societa', linkato 962 volte)
Se anche molto e` stato detto sul referendum sulla costituzione Europea bocciato in Francia, quello che molti si sono ben guardati dal dire e` che la maggior parte dei Francesi che hanno detto NO, lo hanno fatto per impedire che venisse applicata al mercato del lavoro, la “Direttiva Bolkestein”.
il signor Bolkestein In Italia, di qesto si e` parlato molto poco, al contrario di Francia ed Olanda ma anche dell'Inghilterra, la cui popolazione sembra favorevole alla discussa direttiva.
Cosa dice in sostanza la cosiddetta "Direttiva BOlckestein"?
In sostanza, propone che aziende con sede in un paese UE ad esempio la Polonia" o la "Lettonia", possano assumere, retribuire ed elargire servizi, in altri paesi UE, ad esempio Italia, Francia o Germania, secondo le leggi e le regole del paese in cui la azienda ha sede.


E' famoso ed esplicativo, l'esempio del lavoratore polacco, che lavora in Francia, per una azienda con sede in Polonia, la cui azienda rivece contratti Francesi, ma paga stipendi polacchi, assume con regole polacche ed elagrisce servizi secondo termini polacchi.

manifestazione con striscone contro Bolkestein
Questa norma o direttiva e` vista da molti lavoratori
, ma anche da alcuni imprenditori che puntano sulla qualita' dei servizi, come una "Minaccia".
E` gia' stata approvata da tutti quei paesi che hanno firmato la Costituzione UE, dunque anche l'Italia.
In Francia, il movimento, supportato dai Sindacati, da alcuni partiti di sinistra, ma anche dal fronte di Le Pen, ha portato ad una grossa campagna contro questa direttiva, con il risultato che tutti conosciamo, la bocciatura Francese della costituzione UE.
Ed in Italia? quanti sanno della "Direttiva Bolkestein"?
se ne e` parlato? discusso? oggi se ne comincia a parlare,
dopo due anni dalla firma apposta dal Parlamento Italiano alla costituzione UE.
Per saperne dippiu', vi rimando ad alcuni link.
Sul sito contro la direttiva Bolkestein su cui
potete trovare anche discussioni pro o contro in sede di Parlamento UE.
Direttiva Bolkestein versione pdf download.
Indymedia sull'argomento "Bolkestain".

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Oso (del 20/10/2005 @ 11:26:00, in Economia Politica Societa', linkato 820 volte)
 

 La CO2 è il gas serra più importante a livello di impatto ambientale. Le principali cause dell’aumento dei livelli di questo gas nell’atmosfera sono la combustione, la respirazione e la deforestazione. L’utilizzo di energie alternative, solare o eolica, può porre solo una soluzione assolutamente non definitiva al problema.
Da quasi 5 anni è attivo a Weyburn, in Canada, il progetto di segregazione geologica della CO2, un processo che si propone prepotentemente  alla  risoluzione

del problema dello smaltimento del biossido di carbonio in eccesso. Si tratta essenzialmente della liquefazione della CO2 trasportata tramite gasdotto e la successiva iniezione (5,000 t al giorno!) in idonee strutture geologiche quali giacimenti di petrolio esauriti, o depositi salini. Col passare del tempo l’anidride carbonica si mineralizzerà naturalmente trasformandosi in carbonati. Tutta la procedura ha dei rischi minimi, ma dei costi ancora da ottimizzare, considerando che la stessa tecnica viene utilizzata per il recupero dei residui di pozzi petroliferi in esaurimento.
Data l’enorme disponibilità di depositi e risorse e la facilità di gestione di questo gas, il progetto è guardato con estrema attenzione da parte di tutta la comunità. 
Alcuni link sull'argomento.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Oso (del 18/10/2005 @ 15:49:28, in Diario Pensieri Poesie, linkato 818 volte)
 

 A PADRON MARCELLO

Chi ha frabbicato Roma, er Vaticano,
er Campidojjo, er Popolo, er Castello?
Furno Romolo e Remolo, Marcello,
Che ggnisun de li dua era romano.
Ma un e ll'antro volenno èsse soprano
de sto paese novo accusì bbello,
er fratello nimmico der fratello
Vennero a patti cor cortello in mano.
Le cortellate agnédero a le stelle;
E Roma addiventò dar primo giorno
Com'è oggi, ‘na Torre-de-Bbabbele.
De li sfrìzzoli oggnuno ebbe li sui:
E Roma, quelli dua la liticorno,
Ma venne er Papa e se la prese lui.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Biondic (del 18/10/2005 @ 13:50:21, in Arte Cultura, linkato 25285 volte)
Dopo aver ucciso il serpente Pitone, Apollo si sentì particolarmente fiero di sé, cosi' si vantò della sua impresa con Cupido, dio dell’Amore, prendendolo in giro per il fatto che anche lui portasse arco e frecce, ma adatte ad un bambino.
Il dio dell’amore, profondamente ferito dalle parole di Apollo,
volò in cima al monte Parnaso e lì preparò la sua vendetta:
prese due frecce, una ben acuminata e dorata, per far nascere la passione, che scagliò nel cuore di Apollo ed un’altra, spuntata e di piombo, destinata a respingere l'amore, che scagliò nel cuore di Dafne.
Apollo si sarebbe invaghito della ninfa che a sua volta, colpita con la freccia di piombo, avrebbe rifiutato l'amore offerto.
scultura del Bernini che rappresenta Apollo nell'intento i prendere  Dafne mentre costei si trasforma in albero di Alloro
Cosi' Cupido avrebbe dimostrato ad Apollo, la potenza del suo arco.
Apollo cerco' la ninfa per giorni, per tutta la foresta, disperato per l'amore quando finalmente la trovo' e nascosto osservo' la scena.
Il dio Peneo emerse dalle acque e si appoggiò alla riva.
Aveva una lunga barba verde che gli fluttuava fino alla cintola e in mano stringeva un ciuffo di papiri.
Girò gli occhi per vedere la sua figlia prediletta,
Dafne, che si lavava i lucenti capelli verde oro. Voleva farle un regalo, perché proprio quella mattina si era trovato accanto al letto un mazzolino di calle palustri. Dafne sapeva quanto gli piacessero quei bei fiori gialli. Dafne si sentiva inquieta.
Era una splendida mattina d'estate, l'aria era calma e immobile.


Eppure avvertiva un senso di minaccia. Perfino le rondini sembravano gridare «Pericolo! pericolo!» mentre garrivano e guizzavano in cerchio nel cielo,e anche le nuvole di moscerini parevano ronzare un oscuro avvertimento.
Continuando a lavarsi mormorò una breve preghiera a sua madre Gea e la terra le rispose con un brivido di rassicurazione.
Dafne rovesciò indietro i capelli creando una cascatella di goccioline che parevano arcobaleni in miniatura.
Proprio allora uno sconosciuto sbucò dagli alberi lungo la riva
e allungò una mano per catturare le gocce; con un breve tintinnio, eccole trasformate in minuscoli gioielli che lampeggiavano fuoco.
«Per te, mia bellissima!» disse il giovane, sorridendole e protendendo la mano.
«Io sono Apollo».
Dafne si ritrasse.
Non aveva mai conosciuto nessuno come lui e aveva paura.
Era così alto, così dorato, e portava una faretra di frecce così splendenti da accecarla. Alzò un braccio a coprirsi gli occhi e Apollo ne approfittò per cingerla alla vita e mettersela sulla spalla, ridendo. Dopo di che corse via nel bosco.

Dafne urlava, sentendosi strappare i capelli da spine e rametti,
e cominciò a scalciare più forte che poteva; alla fine gli morse una mano, tanto che Apollo la lasciò cadere con un grido di sorpresa.
Dafne si mise a correre piu' forte che poteva, tanto da graffiarsi piedi e gambe.
« Corri piu' piano, mia adorata, o cadrai e ti farai male!» le gridava Apollo
«se fuggirai piu' piano, ti prometto che ti rincorrero' piu' lentamente amor mio!» continuava il giovane dio.
Dafne, accortasi però che la sua corsa era vana, in quanto Apollo la stava per raggiungere, invocò la madre Gea,
«Aiutami! Salvami!»,
pregandola di mutare il suo aspetto perchè tanto dolore e paura le stava procurando.
Gea, ascolto' la preghiera di Dafne e intervenne.
Improvvisamente la fanciulla si sentì rallentare il passo e,
quando abbassò gli occhi, vide che dai piedi germogliavano radici, le gambe si coprivano di una liscia corteccia verde, braccia e testa diventavano rami. I capelli si fecero piatti, lisci e appuntiti, attaccandosi ai ramoscelli che le spuntavano sulla testa.
Dalle foglie veniva un aroma di spezie meravigliosamente caldo e fragrante.
Dafne era diventata un albero di alloro.
Apollo era dispiaciuto per quello che aveva fatto a Dafne e da quel giorno, per non dimenticarla mai, portò sempre una corona d'alloro. Ma il padre Peneo la pianse per sette lunghi anni,
finché il suo fiume ruppe gli argini ed inondò di dolore le rive.
Francesco Gessi 1588-1649: Apollo e Dafne. Museo Correale di Terranova, Sorrento.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 17/10/2005 @ 18:41:15, in Salute, linkato 1219 volte)


In un "attimo"
di sedici ore
tutti gli orgasmi
di una vita

Secondo uno studio tedesco, è questa la quota di piacere sessuale che tocca mediamente a ogni uomo nell'arco della sua esistenza. A ciò si devono aggiungere sei settimane di "preliminari". Molto più tempo dedicato a mangiare o a stare in coda in auto

da Republica.it

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

27/02/2020 @ 11:53:06
script eseguito in 63 ms


< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             

Titolo
Arte Cultura (49)
Diario Pensieri Poesie (61)
Economia Politica Societa' (50)
Eventi (28)
Giochi (18)
PocoBLog (82)
Salute (27)
Tecnologia (11)
Viaggi (15)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
hola
14/08/2008 @ 20:11:55
Scritto da t
..Secondo me e' fa...
14/08/2008 @ 04:25:45
Scritto da fabio
Mi sembra che si s...
22/07/2008 @ 18:56:07
Scritto da Nunzia
dovrebbe essere ne...
21/06/2008 @ 23:11:35
Scritto da Virgola
Qualcuno ha la tra...
21/06/2008 @ 23:10:52
Scritto da Virgola