Cerca in PocoBLog
 
Immagine
 pioggia ed arcobaleno nel deserto del Sinai.... di Biondic
| Poco.it | Cafe' | Bookmark Poco |

Visite: 197306




Titolo
Belem (3)
Bianco e nero (2)
Bratislava (14)
Coimbra (1)
Digital (3)
Headers (13)
Ivanteevka Russia (7)
Lisboa (1)
Porto (2)
Promocard (4)
Sinai desert (2)
Tivoli (9)
Tomar (1)

Le foto più cliccate

 

www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from pocoblog. Make your own badge here.

Titolo







\\ PocoBLog : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Scritto da Nith (del 26/04/2007 @ 14:53:23, in PocoBLog, linkato 4601 volte)

A tutti noi è capitato di vedere dei fermo immagine di goccie che cadono in uno specchio d'acqua e rimanere affascinati dalle forme geometriche naturali e perfette che si creano per alcuni nanosecondi...
Meno noto invece è il risultato ottenuto da una piccola goccia di latte che sta per macchiare la nostra amata tazza di caffè. Godetevi lo spettacolo!

 Tags: , , , , , ,

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 24/04/2007 @ 16:08:00, in Eventi, linkato 1486 volte)

Nella splendida e suggestiva cornice di Calcata, in provincia di Viterbo, mercoledì 25 aprile 2007 si svolge La Festa dei Precursori.
Il Circolo vegetariano di Calcata nasceva in questo periodo del 1984 e la ricorrenza viene festeggiata il 25 aprile, anniversario della Liberazione. Sarà un’occasione per rinfrescare la nostra libertà di pensiero e di azione. Ogni tanto si sente parlare di questo o quel congresso, di un qualche concilio, Kumba Mela od altro. Noi del Circolo non potevamo essere da meno ed è per questo che viene indetto, in occasione dei 23 anni dalla fondazione, un convegno per analizzare il passato e meditare sul nostro futuro. Coloro che fondarono nel borgo di Calcata il Circolo Vegetariano VV.TT. (quando il paese era pressocchè sconosciuto) misero nello stesso momento un punto fermo nella loro vita, che era un punto di arrivo in un luogo vergine dalle infinite possibilità e di partenza per realizzare un progetto di società ideale. Dopo questi primi 23 anni alcuni si son persi per strada, altri hanno modificato i loro sogni per un modello esistenziale più concreto o degenerato, altri ancora (come me) si sentono persino soddisfatti di quanto raggiunto e vogliono rilanciare quel processo di integrazione fra i vari modi di vita, quello urbano e quello campestre. In tal senso la crescita del Circolo vien vista come espressione di cultura, creatività e sopravvivenza ecologica. Fare un’analisi dello stato attuale delle cose, riconoscendo le sconfitte e le vittorie di un modello (come a tutti gli effetti è quello del Circolo) serve per aiutare la crescita, cercando nuove possibilità per una esistenza libera, sostenibile e gioiosa. Tutta questa riflessione avviene ne “La Festa dei precursori” in cui il modello ecologista, vegetariano e spiritualista laico sinora percorso verrà rivisitato e discusso. Si propone così una rassegna degli eventi vissuti in questi anni, verranno presentati i temi affrontati dalla fondazione ad oggi: denunce, foto, quadri, rassegne stampa, proposte, materiale vario che in parte verrà poi usato per la prossima pubblicazione di un libro.
Programma: ore11.00 – Passeggiata nella Valle del Treja alla ricerca di erbe commestibili; ore 13.30 – Picnic nel Tempio della Spiritualità della Natura e visione dell’archivio storico del Circolo; ore 15.30 - Incontro “amarcord” in Via del Fontanile snc. Per raccogliere esperienze del passato e progetti per il futuro. Intervengono i fondatori e vecchi amici.

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 23/04/2007 @ 10:48:41, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1493 volte)

il link per la traduzione è in fondo alla poesia

Llénate de mí.
Ansíame, agótame, viérteme, sacrifícame.
Pídeme. Recógeme, contiéneme, ocúltame.
Quiero ser de alguien, quiero ser tuyo, es tu hora,
Soy el que pasó saltando sobre las cosas,
el fugante, el doliente.

Pero siento tu hora,
la hora de que mi vida gotee sobre tu alma,
la hora de las ternuras que no derramé nunca,
la hora de los silencios que no tienen palabras,
tu hora, alba de sangre que me nutrió de angustias,
tu hora, medianoche que me fue solitaria.

Libértame de mí. Quiero salir de mi alma.
Yo soy esto que gime, esto que arde, esto que sufre.
Yo soy esto que ataca, esto que aúlla, esto que canta.
No, no quiero ser esto.
Ayúdame a romper estas puertas inmensas.
Con tus hombros de seda desentierra estas anclas.
Así crucificaron mi dolor una tarde.

Quiero no tener límites y alzarme hacia aquel astro.
Mi corazón no debe callar hoy o mañana.
Debe participar de lo que toca,
debe ser de metales, de raíces, de alas.
No puedo ser la piedra que se alza y que no vuelve,
no puedo ser la sombra que se deshace y pasa.

No, no puede ser, no puede ser, no puede ser.
Entonces gritaría, lloraría, gemiría.

No puede ser, no puede ser.
Quién iba a romper esta vibración de mis alas?
Quién iba a exterminarme? Qué designio, qué? palabra?
No puede ser, no puede ser, no puede ser.
Libértame de mí. Quiero salir de mi alma.

Porque tú eres mi ruta. Te forjé en lucha viva.
De mi pelea oscura contra mí mismo, fuiste.
Tienes de mí ese sello de avidéz no saciada.
Desde que yo los miro tus ojos son más tristes.
Vamos juntos. Rompamos este camino juntos.
Ser? la ruta tuya. Pasa. Déjame irme.
Ansíame, agótame, viérteme, sacrificarme.
Haz tambalear los cercos de mis últimos límites.

Y que yo pueda, al fin, correr en fuga loca,
inundando las tierras como un río terrible,
desatando estos nudos, ah Dios mío, estos nudos,
destrozando,
quemando,
arrasando
como una lava loca lo que existe,
correr fuera de mi mismo, perdidamente,
libre de mí, Curiosamente libre.
¡Irme, Dios mío, irme!

traduzione

Tags: , , , , , ,

Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 15/04/2007 @ 23:08:58, in Diario Pensieri Poesie, linkato 2774 volte)



Mémoire

Le temps érode les images, les souvenirs
Avec lesquels nous ne pensions pas pouvoir vivre;
Il ne nous en laisse qu'une amertume triste;
Et quelques points sensibles, à ne pas toucher.

On regretted parfois de ne plus en souffrir,
Tellement ils méritaient que l'on s'en souvienne.
C'est la vie qui s'en va de nous, c'est une absence
Qui nous lasse plus seul, sans peine, sans amour.
Memoria

Il tempo corrode le immagini, i ricordi
Senza i quali noi pensiamo di non poter vivere
Esso non ci lascia che un'amarezza triste
E qualche punto sensibile, da non toccare

Ci dispiace, talvolta, d'aver smesso di soffrirne
Talmente meritavano di esser ricordati
E' la vita che se ne va da noi, è un'assenza
Che ci lascia più soli, senza pena, senza amore.


Desiderium

Le désir se nourrit d'absence, de regrets,
De la violence des rencontres difficiles
Du souvenirs moins pur que la réalité,
Et, toujours, de la peur d'avoir perdu l'amour.
Desiderio

Il desiderio si nutre di assenze, di rimpianti,
Della violenza degli incontri difficili
Dei ricordi piuttosto che della realtà
E, sempre, della paura d'avere perduto l'amore.

Le départ des amis

Il est dans mon destin de choisir mes amis
Parmi ceux-là qui passent,
Et de me trouver seul aux heures où la vie
Blesse mon ame lasse.

L'attirance des ports apelle les naufrages
Sur mon jeune horizon;
Comme ils sont nobles, fiers et beaux les chers visages
Des amies qui s'en vont!!

Je dis avec orgueil vos noms dans mon silence
Et vous m'apparaissez
Oh! Vous tous,qui, parties avec mon enfance,
Etres dans mon passé.

Mes amis, mes amis! Vers l'inquiétante Afrique
Bientot je partirai
Fasse l'amer souci que mon sort nostalgique
Vous retrouve à jamias.

Car ce soir la pensée intense qui me brule
Au coeur de tant d'amour,
Me raméne vers vous comme le crepuscule
Triste, achève le jour.
La partenza degli amici

Fa parte del mio destino scegliere gli amici
Fra coloro che passano,
e ritrovarmi solo nelle ore in cui la vita
Ferisce la mia anima stanca.

L'attrazione dei porti chiama i naufraghi
Sul mio giovane orizzonte
Come sono nobili, fieri e belli i cari visi
Degli amici che se ne vanno!

Ripeto con orgoglio i vostri nomi
Immerso nel silenzio
E voi mi apparite
Oh! Voi tutti che siete svaniti con la mia infanzia
Esseri del mio passato.

Amici, amici! Verso l'inquietante Africa presto partirò
Possa io ritrovarvi sempre facendo fronte all'amaro dolore
Del mio destino nostalgico

Poiché stasera il pensiero intenso che mi brucia
nel cuore di tanto amore
Mi conduce verso di voi come il crepuscolo
Triste, conclude il giorno.

Tratto da:
Louis Brauquier - Il Poeta del mondo meticcio di Marsiglia, di Francesca Mazzucato
(scarica gratuitamente il libro in formato elettronico)


Tags: , ,
Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Scritto da Nith (del 02/04/2007 @ 20:50:28, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1269 volte)
Quando avevi la mia età avevo cinque anni. Mi portaste in Africa, il primo viaggio lungo. Mi trattavi già da adulto e m'hai insegnato, in una piscina e poi al mare, a tuffarmi..che conquista.
Eri allegro e solare. Ottimista sempre, anche nei momenti peggiori. Me li hai fatti vivere consapevolmente ma con dignità, serenità e coraggio..
Portavi ovunque sempre allegria, ti piaceva parlare e ascoltare e partecipavi sempre con gioia a tutto, quando si stava insieme agli altri, in famiglia o con gli amici.
M'hai insegnato cosa significa amare, amare veramente, senza distinzioni e mai a parole ma con l'esempio, nel quotidiano, giorno per giorno.. e così facendo m'hai anche insegnato ad essere padre, in qualche modo..
Quando abitavamo a Roma, di sera in cucina sulle tue ginocchia, mi leggevi le storie della bibbia.
Avevo appena iniziato le elementari e hai cominciato a parlarmi in inglese, le prime parole.
Mi portavi con te, in mezzo ai boschi e una volta m'hai anche fatto sparare...che dolore il rinculo del fucile sulla spalla e tu e Carlo che ridevate.
M'hai dato fiducia, avevo appena 11 anni e mi facevi attraversare la periferia e la città per finire la scuola dove l'avevo iniziata, che orgoglio..
Quando andavamo in giro mi insegnavi ad osservare, ad apprezzare ciò che c'è intorno, avevi una storia sempre per ogni cosa e conoscevi ogni singola fontanella di Roma.
Portavi me e i miei compagni, cui piacevi tanto, in giro per la città a spiegarci monumenti come ai turisti.
M'hai messo le rotelle alla bici...e un bel giorno me le hai anche tolte, quanti pianti, ma non me le hai rimesse, solo una, per mezz'ora, poi l'hai ritolta subito... ed ho imparato ad andare in bicicletta quel giorno
Mi portavi sulla tua bicicletta, una bottecchia verde bottiglia, su un minisellino montato sulla canna, che paura, ma me l'hai fatta passare e quanto ci piaceva passare sul ponte di ferro, dove la bici vibrava e noi ridevamo.
E quando andavamo allo zoo, col tram. Ci mettevamo al centro, dove c'è la piattaforma che gira..e gira.. e gira.
La scuola era più scuola a casa che a scuola, sapevi sempre tutto però dicevi che non potevi vincere ai quiz perchè eri diventato lento coi riflessi...
M'hai insegnato che quando viene da dire "non ce la faccio più", si può ancora fare quello sforzo per altre dieci volte, è stato uno dei consigli tuoi più preziosi e che nella vita m'è servito di più.
Sono infinite le cose che m'hai tramandato, a volte velate, a volte svelate, che ho capito crescendo e che ancora oggi mi giungono.. come la luce delle stelle.
Buon compleanno vecchio mio!

Tags: , , , , , ,
Articolo Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

17/12/2018 @ 07:25:46
script eseguito in 28 ms


< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Arte Cultura (49)
Diario Pensieri Poesie (61)
Economia Politica Societa' (50)
Eventi (28)
Giochi (18)
PocoBLog (82)
Salute (27)
Tecnologia (11)
Viaggi (15)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
hola
14/08/2008 @ 20:11:55
Scritto da t
..Secondo me e' fa...
14/08/2008 @ 04:25:45
Scritto da fabio
Mi sembra che si s...
22/07/2008 @ 18:56:07
Scritto da Nunzia
dovrebbe essere ne...
21/06/2008 @ 23:11:35
Scritto da Virgola
Qualcuno ha la tra...
21/06/2008 @ 23:10:52
Scritto da Virgola