\\ PocoBLog : Articolo : Stampa
Polli, l'influenza del brevetto
Scritto da Nith (del 23/09/2005 @ 11:03:57, in Salute, linkato 1077 volte)
   L'influenza dei polli ha fatto 60 vittime in due anni, ma per i media è già diventata un flagello mondiale (una "New Orleans sanitaria"). Effettivamente, le vittime previste dagli epidemiologi potrebbero essere molte di più, soprattutto nel caso in cui l'influenza potesse trasmettersi da persona a persona e nei Paesi che
non potranno accedere alle medicine necessarie. Se pandemia sarà, non cadrà dal cielo, anche perchè i polli non volano.
Ma tra l'inondazione di New Orleans e l'epidemia di febbre aviaria una somiglianza c'è: erano entrambe previste, ma per rispettare le leggi del mercato si sono sacrificate delle vite umane. Infatti, il rischio della "pandemia" è noto da tempo. Già nel gennaio del 2004, mentre in Vietnam morivano i primi polli e infettavano le prime persone, alcuni scienziati previdero che presto il virus, se lasciato a se stesso, sarebbe mutato in una forma trasmissibile da persona a persona. Con un vaccino contro l'influenza tradizionale, il pericolo di un contagio da persona a persona dell'influenza dei polli poteva essere scongiurato già allora, prima che l'influenza dal Vietnam si diffondesse altrove. Il pericolo, infatti, e' che in qualche individuo i due virus possano ricombinarsi e dare vita al virus letale.
Il vaccino era in preparazione, ma Solvay e Glaxo, le multinazionali farmaceutiche che lo distribuivano, non hanno messo a disposizione il farmaco per il Vietnam perché le politiche brevettuali imponevano che le prime confezioni fossero riservate ai clienti "migliori": il Vietnam era in fondo alla lista. L'influenza tra i polli si e' diffusa, e ora il pericolo di un contagio tra umani e' aumentato. E di pandemia ormai si parla in termini allarmistici. La fila per acquistare il futuro vaccino contro l'influenza aviaria è già lunga, e Big Pharma si frega le mani per un inaspettato rilancio fondato su una paura alimentata ad arte: quanto denaro entrerà nelle casse delle case farmaceutiche, se il governo italiano ha già prenotato 35 milioni di dosi di vaccino? Ma nessuno dice che il vero allarme è il brevetto.

L'industria mondiale del pollame | I rischi dell'allevamento intensivo | Il sistema dei brevetti

tratto da Indymedia Italia