\\ PocoBLog : Articolo : Stampa
Chi č il blog? (secondo Lex)
Scritto da Lex (del 21/02/2006 @ 09:00:22, in Diario Pensieri Poesie, linkato 1603 volte)
cari amici, sono Lex, scrivo anticipatamente quanto inserisco ora sul blog la notte precedente dal mio letto. è molto tempo che non partecipo al Blog e di questo mi sento davvero in colpa, lo stesso senso di colpa che si vive davanti ad un causato abbandono. mi chiedo se è questo l'ambito in cui esprimere le perplessità avute e causanti il mio allontamento, tanto più poichè forse "apparentemente" non inerenti al Blog stesso, ma squisitamente personali. ciò mi porta a riflettere sul ruolo del Blog nella mia vita (chi è il blog?)......traslando su "vecchie diatribe" inerenti l'ambito personale e politico (ambiti separati o necessariamente inerenti e indistinguibili?). contingenti aspetti lavorativi e sociali mi hanno portato a dedicare pochissimo tempo al Web e probabilmente pochissimo tempo da dedicare a me stessa, correlo le due condizioni poichè percepisco come importante un "spazio" speciale e unico (e il blog potrebbe essere in questo senso un contesto esemplificativo) e la pochissima disponibilità avuta nella relazione intima (intesa in termini introspettivi) con me stessa. vi chiederete perchè scrivo tutto ciò, vi chiederete se non è un modo elegante per sfuggire alla responsabilità dell'abbandono attribuendo a fattori esterni o interni apparentemente non controllabili la condizione stessa. credo però che l'apparente fuga sia stata determinata da un'inconscia esigenza di trovare un mio spazio espressivo all'interno del quale co-costruire una realtà mia e contemporaneamente nostra .....

quando Oso mi ha scritto "appartenenza alla comunità del Blog" ho percepito perfettamente la mia difficoltà a sentirmi espressione e costruzione della comunità. quando ho cominciato a scrivere nel blog ha più volte inviato poesie di diversi poeti che rappresentavano i miei sogni e le mie realtà, ma nel tempo sentivo che mancavano le mie poesie (non necessariamente da me scritte). Gioco sul simbolismo dello scritto come non scritto tentando in questo modo di poter al meglio descrivere quanto il flusso di coscienza esprime interiormente. concludo dicendo che sono tornata nella mia complessità e che voglio giocarmi su un piano apparentemente "schizofrenico" la mia appartenenza.

a presto LEX