\\ PocoBLog : Articolo : Stampa
Ciampi firma la nuova legge elettorale proporzionale.
Scritto da Biondic (del 23/12/2005 @ 08:47:43, in Economia Politica Societa', linkato 1592 volte)
Stanotte, il Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi ha firmato la nuova legge elettorale che ci riporta indietro di dieci anni. Una legge fatta ad hoc per una fazione politica, che portera' instabilita' governativa.
Eppure con un Referendum dieci anni fa il Popolo Italiano aveva detto chiaramente che non voleva piu' un sistema proporzionale, ma voleva un sistema maggioritario. Si dice che il Presidente abbia controllato che la legge fosse "Costituzionale" ebbene, andare contro un voto del referendum credo sia sufficentemente "Anticostituzionale".
Persino Bondi di FI dichiara la sua inaspettata sorpresa dalla firma di Ciampi "Era una decisione attesa anche se non scontata".
Ma evidentemente un Presidente senza personalita' non e` in grado di far rispettare le piu' elementari regole. Ciampi finora ha firmato e controfirmato "Tutte", ma proprio tutte le leggi scandalo proposte dal Governo.
A questo punto e` lecito chiedersi se al posto di un Presidente come Ciampi non fosse stato meglio avere uno scribacchino, con timbro di legno, che senza spendere tutti i soldi che ha speso Ciampi per feste e cerimonie, avrebbe fatto il suo stesso identico lavoro. Forse piu' velocemetne senza perderci tutto questo tempo e senza ipocriti richiami alla moralita'.
Dunque, si prospettano cinque anni con una maggioranza di centrosinistra in Parlamento ed una di centrodestra al Senato, anche se prenderanno meno voti. Miracoli della nuova legge che il Presidente di legno non ha saputo rispedire al mittente. Saranno cinque anni in cui per ogni minima leggina bisognera' chiedere il permesso all'opposizione. Bravi tutti!! Bravo il Governo per la Legge che danneggia il Paese. Brava l'opposizione per non aver saputo costruire una campagna mediatica sufficente contro questo scandalo. Ma soprattutto Bravo il "Presidente scribbacchino", il baluardo deglli imprenditori Italiani che licenziano in Italia e portano le proprie aziende in Cina.